martedì, maggio 22, 2007

vetrine del centro

Questa non è una foto che ho scattato io. Sta sul blog di Deborah Lipstadt, la studiosa che tempo fa è stata querelata dal negazionista David Irving - il quale ha perso la causa.


La foto è stata scattata ad Amman, capitale della Giordania. E' la vetrina di una libreria. A sinistra si riconosce il noto volume di Jimmy Carter, in cui l'ex presidente USA spiega che in Palestina c'è l'apartheid, mentre accanto si può vedere l'altrettano noto Mein Kampf.
Il mercato editoriale dei Paesi arabi è un settore così prevedibile.

6 commenti:

laurentji ha detto...

dai, non vuol dire nulla, magari era una libreria tipo la "libreria del fantastico" a Milano o la "libreria europa" a Roma.
e' sacrosanto denunziare le saldature tra vecchio e nuovo antisemitismo (o meglio i trait d'union tra antisemitismo vecchio e nuovo) ma una foto del genere non dimostra nulla, anzi aumenta il senso di accerchiamento e la paranoia.

נחום ha detto...

Faccio davvero fatica a capire come mai un ebreo che vive in Italia si dovrebbe sentire accerchiato per una copia del Mein Kampf esposta in Giordania.
La foto pubblicata dalla Lipstadt mostra quali sono i gusti dei lettori in un Paese arabo moderato. Stando alle impressioni di chi su quei gusti ci campa, ovvero i librai.

laurentji ha detto...

La foto pubblicata dalla Lipstadt mostra quali sono i gusti dei lettori in un Paese arabo moderato. Stando alle impressioni di chi su quei gusti ci campa, ovvero i librai.

non mi piace molto il tenore di questa tua risposta, sostituisci a "paese arabo moderato", che, sinceramente, non so cosa significhi, con quello che preferisci e rileggi.
non la trovi pregiudiziosa?

נחום ha detto...

La foto pubblicata dalla Lipstadt mostra quali sono i gusti dei lettori in Israele. Stando alle impressioni di chi su quei gusti ci campa, ovvero i librai.

La foto pubblicata dalla Lipstadt mostra quali sono i gusti dei lettori in Lapponia. Stando alle impressioni di chi su quei gusti ci campa, ovvero i librai.

La foto pubblicata dalla Lipstadt mostra quali sono i gusti dei lettori in Olanda. Stando alle impressioni di chi su quei gusti ci campa, ovvero i librai.

No, davvero, non ci trovo niente di pregiudizioso. Di preoccupante (in Giordania, Paese che pur riconosce Israele) sì.

laurentji ha detto...

Faccio davvero fatica a capire come mai un ebreo che vive in Italia si dovrebbe sentire accerchiato per una copia del Mein Kampf esposta in Giordania.

mi ero dimenticato di rispondere a questa domanda.
ci sono diversi motivi:
- o Israle e' la patria ebraica, e la giordania e' confinante, quindi da ebreo italiano o di dovunque sia mi sento comunque minacciato
- puo' essere che abbia dei parenti o degli amici in Israele e sia in apprensione per il loro futuro ed il loro presente
- puo' essere che i nazisti mi infastidiscano comunque e ovunque, da ebreo o da goy
varie ed eventuali

נחום ha detto...

beh, se ti infastidiscono i nazisti, credo sia il caso di pensare anche ai Paesi artabi, non solo alla curva della Lazio.