sabato, marzo 15, 2008

שבוע תוב

Ho un rapporto tutto particolare con Purim. Il primo lavoro che ho pubblicato riguardava un processo dell'Inquisizione in cui gli imputati parlavano di Purim. Il primo libro che mi è capitato di recensire trattava, appunto, di Purim. Per Purim, nel 2004-5764, abbiamo fatto tornare a vivere, per la prima volta dopo quasi un secolo, una antica sinagoga emiliana, assieme a ragazzi di tutta Europa. E in questa settimana di Purim succederanno cose bellissime per me e mia moglie.
So che devo ancora finire di raccontare la brutta storia della moderazione di un gruppo di discussione ebraico affidata a un fascista; so che devo una risposta ad Ale, che mi ha scritto tempo fa per riprendere una discussione su Francia e laicità, e come se non bastasse ho trovato un bel saggio a proposito del Betar nel ghetto di Varsavia (eh sì, c'erano anche loro) che merita assolutamente di essere conosciuto.
Di tutto questo parlerò quando questa settimana sarà finita. Stay tuned, Purim sameakh e Shavua tov.

4 commenti:

Spiccato ha detto...

Shavua Tov!!!!
Ale

Piero P. ha detto...

Scrivi cose estremamente interessanti che invitano a ragionare. Posso chiederti (ovviamente se ne avrai il tempo e se lo riterrai opportuno) di spiegare la festa di Purim a favore di quelle persone che, come me, ne hanno solo una conocenza superficiale e magari distorta?
Grazie e buona settimana.
Piero

Bennauro ha detto...

"Il primo lavoro che ho pubblicato riguardava un processo dell'Inquisizione.."
Sono piacevolmente sorpreso da questa tua affermazione! E ne ho buonissimi motivi...
Sarai per caso uno Storico?
Ti faccio questa domanda perche', oltre alla mia professione, scrivo di Storia Antica.
Ciao

נחום ha detto...

eh sì, ho un dottorato di ricerca in Storia della società europea e ho fatto anche il post-dottorato. Poi ho scoperto che la sinagoga mi interessava di più degli archivi, così ho deciso di riprendere a studiare per fare il rabbino.
a presto e Purim Sameakh